Dieta “senza”: cosa vuol dire?

Odd

Vegani e vegetariani, crudisti e paleo, “pescetariani” e onnivori. Come si dice: “il mondo è bello perché è vario” e ognuno è libero di scegliere il tipo di alimentazione che preferisce. Sempre, però, tenendo d’occhio la salute! 

Negli ultimi anni abbiamo assistito al dilagare delle diete “senza”: al principio fu “senza zucchero”, poi arrivò il senza coloranti e senza conservanti, senza lattosio e senza olio di palma, senza glutine, senza grassi idrogenati, senza ogm e chhi più ne ha, più ne metta. L’ultima tendenza è addirittura la “carne senza carne” (ne abbiamo parlato qui!). 

I dati dell’alimentazione “free from”

Secondo l’Osservatorio Immagino, a cura di Nielsen e GS1 Italy, nel 2017 in Italia sono stati registrati acquisti per quasi 7 miliardi di euro di prodotti che riportano nell’etichetta le varie diciture “free from”, ovvero “privi di”, “senza” o “con pochi”, con una crescita del 2,3% rispetto al 2016. Un’analisi dell’Istituto Ixè evidenzia inoltre che il 74% degli italiani acquista prodotti che sono privi di un qualche tipo di componente. 

Come scegliere? 

Come orientarsi in questo grande mare di tendenze e prodotti? Noi ci affidiamo ai consigli di Mary, la nostra nutrizionista. 

Regola numero uno: evita le mode alimentari. Non ha senso eliminare dalla propria dieta un certo ingrediente soltanto per “sentito dire”. Al contrario, è importante informarsi sulla reale  composizione nei cibi che mangiamo, leggendo l’etichetta e preoccupandoci della provenienza e dei metodi di produzione. 

Regola numero due: impara ad ascoltare il tuo organismo. Gli unici casi in cui è davvero indispensabile eliminare o ridurre il consumo di determinati alimenti è in presenza di patologie come la celiachia (intolleranza al glutine), allergie o altri problemi di salute. A volte, invece, può essere utile sospendere temporaneamente il consumo di alcuni cibi per alleviare i sintomi di intolleranze specifiche. Se sospetti di soffrire di allergie o intolleranze devi rivolgerti a un medico o a un altro professionista della nutrizione per ottenere una diagnosi corretta e stabilire quale sia la giusta alimentazione da seguire. 

Regola numero tre: “è la dose che fa il veleno”. In altre parole: si può mangiare (quasi) tutto, ma senza eccedere nelle quantità. Per avere una dieta sana ed equilibrata è importante variare costantemente i cibi e scegliere sempre ingredienti di qualità, privilegiando frutta e verdura, legumi e cereali integrali, carne e pesce (senza esagerare). 

La filosofia di Rose & Mary

Rose & Mary ha scelto di seguire la filosofia del clean eating, un’alimentazione pulita e sana che fa bene alla salute ed è adatta anche a chi soffre di intolleranze alimentari. Per questo, tutti i nostri piatti sono:

  • privi di glutine: quindi più leggeri e consigliati anche ai celiaci;
  • privi di zuccheri raffinati: l'Organizzazione Mondiale della Sanita'  ha riconosciuto lo
    zucchero raffinato come una delle cause principali di gravi patologie come diabete, malattie cardiovascolari e obesità. Tantissimi sono gli studi a supporto a livello mondiale, come ad es quello della dottoressa Nancy Appleton, autrice del libro Lick the Sugar Habit, che ha stilato una lista di ben 77 danni che lo zucchero può causare alla nostra salute. Per questo abbiamo scelto di eliminare lo zucchero raffinato, cosi' come le farine raffinate, da qualsiasi nostra ricetta
  • privi di cibi trattati: selezioniamo solo ingredienti freschi e naturali e li prepariamo privilegiando tecniche di cottura light, che mantengono intatte le proprietà nutritive degli alimenti senza appesantirli. Per aiutarti a scegliere in modo consapevole, indichiamo in ogni ricetta tutti gli ingredienti e gli allergeni presenti.

Il risultato è una cucina buona e sana, che fa bene al corpo e alla mente. Provare per credere!

Share: Facebook Twitter Google+