Meno carne, più qualità: sei anche tu reducetariano?

Senza Titolo 1

Onnivori, carnivori, vegetariani, vegani, crudisti, fruttariani… quando si parla di preferenze alimentari, ce n’è per tutti i gusti. Tra i movimenti più recenti e meno conosciuti, c’è quello dei reducetariani, fondato dal giovane ricercatore della Columbia Brian Kateman nel 2014: il termine deriva dalle inglese “reducetarian” e indica coloro che cercano di ridurre il consumo di carne e altri alimenti di origine animale, stando particolarmente attenti alla sua provenienza.

Ma come si diventa reducetariani? Per Kateman il primo passo è ridurre il consumo di carne per almeno trenta giorni, limitandolo per esempio a un solo giorno a settimana, o al weekend. Un’indicazione che trova riscontro nelle principali raccomandazioni della Società Italiana di Nutrizione Umana, che indicano, per un adulto sano, un consumo giornaliero di proteine di 0,9 g per kg di peso corporeo, pari a circa 60 g per un uomo di 70 kg.

In altre parole, più che un movimento innovativo, i reducetariani sembrano seguire quella che noi comunemente definiamo una “sana e corretta alimentazione”: si può mangiare di tutto, purché con moderazione e puntando sulla qualità.

E tu, ti senti reducetariano? Qualunque sia il tuo “stile alimentare”, su Rose&Mary puoi trovare il cibo che fa per te: tutti i nostri piatti utilizzano infatti ingredienti naturali e di prima qualità e ti garantiscono il corretto apporto di grassi sani, proteine magre, carboidrati e fibre. Provali subito!

Share: Facebook Twitter Google+